Speaker di venerdì 4

Giuseppe Giovannoni

Giuseppe Giovannoni, Imprenditore e allevatore dell'Azienda Agricola "Giovannoni Giuseppe"

Titolo dell'intervento: L'Azienda Agricola "Giovannoni Giuseppe"

Evento: Giovani e impresa, tra ricerca, innovazione e creativita'

Chi è Giuseppe Giovannoni

Ho cominciato col comperare qualche capra, ho frequentato un corso di caseificazione e poi sono andato da un allevatore del mio paese per imparare a mungere le vacche e a lavorare il latte.
L'anno dopo ho mollato il lavoro, contro il parere di molti e sono andato a lavorare in alpe come casaro.

Avendo da subito conseguito buoni risultati, ho deciso di continuare e per una decina d’anni ho frequentato le vallate del Bitto Storico, un formaggio d'alpeggio molto rinomato dalle nostre parti
Dipendevo però sempre da altre persone così, quando l'ente regionale foreste (ERSAF) mi contattò per gestire un alpeggio della regione, l'Alpe Legnone in val Lesina, accettai subito

Con le mie 50 capre, la famiglia e circa 200 capre di altre piccole aziende della zona, ho cominciato a fare formaggi di capra Orobica in alpeggio, cosa che in provincia di Sondrio, ancora adesso, non fa nessun altro.
Pian piano mi sono fatto un giro di clienti-amici che salgono in alpe tutte le estati per gustare il mio formaggio e le cose sono sempre andate migliorando.

Nel 2014, con altri allevatori delle Orobie bergamasche e valsassinesi, abbiamo fondato l'associazione per la tutela della capra Orobica e dei suoi prodotti. Da lì la richiesta del Presidio Slow Food che ci è stato concesso nel settembre del 2015 . Ora, sia il formaggio che le capre da allevare, sono molto richiesti.

L'Azienda Agricola "Giovannoni Giuseppe"

L’azienda di Giuseppe Giovannoni è composta da 45 capre orobiche, 1 asino, 2 cavalli e 1 cane.

L’alpeggio in comune di Delebio si chiama Alpe Legnone ed è posto a 1700 metri sulla dorsale nord del monte Legnone(2610). In alpeggio Giuseppe prende in custodia altre 200 capre Orobiche di una quindicina di aziende che me le affidano per il periodo estivo. Di queste ne munge circa sessanta, producendo oltre ai caprini anche formaggelle (matuscìn) e ricotta. In alpeggio le capre si alimentano esclusivamente al pascolo semibrado che si sviluppa dai 1400 ai 2000 metri.

La mungitura si effettua a mano due volte al giorno e la lavorazione del latte si fa al mattino nel caseificio della baita Panzone a giugno e nel calecc vicino al rifugio Legnone da luglio a settembre.

Il rifugio Legnone, gestito dalla Pro Loco di Delebio, è aperto tutti i giorni di luglio e agosto e nei fine settimana di settembre. Qui si può soggiornare degustando anche i prodotti dell’ alpeggio e dormire (venti posti letto).

L’associazione produttori formaggi di capra orobica ha ottenuto il Presidio Slowfood che tutela questa razza in via di estinzione.